Indian fast food

Il calzolaio va con le scarpe rotte.

Partendo da questo proverbio, vorrei farvi riflettere, ma poco eh, su come un cuoco non abbia voglia di cucinare anche per sé. O almeno non quanto credano gli altri.
(…) Vi risparmio tutta la discussione in merito che, se avete voglia, potete tranquillamente affrontare nei commenti quando volete, e passo subito al sodo:
fu così che un giorno, dopo la spesa, ci ritrovammo affamati in via Mameli, dietro il mercato di Piazza Vittorio.

Comincia così la storia che vi narro con poche parole e molte immagini (da iphone 3gs e fatte pure male) di come mangi al fast food indiano. Mangi medio, ma onesto nei prezzi e e nei sapori. Un po’ meno nei colori, mooolto sgargianti (a buon intenditor, poche parole).
Che dire, un piatto unico come quelli che vedete sotto, costa 8/9 euro.


C’è un grande assortimento di dolci, che hanno molte forme, ma mentre li sgranocchi in macchina, più tardi, scopri avere tutti più o meno quel sapore di latte in polvere.
Non che a me non piaccia, ma diciamo che non stiamo parlando di cucina ALTA, visto che dalle nostre parti non si vive solo di quella
Stiamo parlando di un fast food indiano, dove vi consiglio di fare un salto, per uscire dal logorio della vita moderna  (cit.).

Via Mamiani, 11
Quartiere  Rione Esquilino – Roma
tel. 06  446 0792

5 Comments

    1. confermo, ma dipende. Per 75 centesimi ho mangiato di peggio travestito da meglio.

  1. Non poteva mancare la piccola grande Cobra!
    Sulle sgargianti foto ci nevica su: è normale oppure il Grinch si è impadronito del sito FOODERS?
    Comunque all’Indian Fast Food prima o poi ci vado, sicuro.

    Che Bollywood sia con voi.

I commenti sono chiusi.