SUCCEDE A ZURIGO

Succede a Zurigo ma in Italia non ne parla nessuno. 11 e 12 Maggio 2019. Un viaggio in cui mi sono trovata fra alcuni dei colleghi che stimo di più, una città meravigliosamente internazionale, il mio lavoro, la Healthy Boy Band. Grazie a Instagram negli ultimi tre o quattro anni ho potuto viaggiare anche senza aereo, e visitare migliaia (milioni?) di profili di chef nel mondo.
E’ così che mi sono affezionata alle immagini luminose del Lyle’s di Londra, al nose to tail di Fergus Anderson (quello anche prima, in realtà) alla pulizia del Contra di New York, alla follia ragionata ed esasperata della Healthy Boy Band, a Gelinaz, a Grant Achaz, a quanto spacca P Franco, alle contaminazioni di Esu Lee da Cam a Parigi, al menu scritto a mano del Billy Kwong, alla cucina di Gareth Storey con cui abbiamo fatto un pop-up a Parigi. E proprio là ho conosciuto Julien Pham (il fratello di Céline, si) aka Phamilyfirst, che organizza gli eventi gastronomici più trasversali di Parigi. L’elenco è lunghissimo, ma credo possiate immaginare come ci siamo sentiti io e Marco quando abbiamo ricevuto la mail di Healthy Boy Band a pranzo da Wang Jiao a Milano con i nostri amici Stabber e Agnese. Così una tappa del MAZZO INVADERS tour arriva in Svizzera.
“Facciamo l’afterparty di un evento a Zurigo, con chef provenienti da tutto il mondo, verranno circa 200 persone, dovete portare un piatto e il tema è omaggio a Davide Scabin” Ringrazierò sempre Cook.Inc. per avermeli fatti conoscere in questa serata a Erba di cui conservo una foto:

Io personalmente mi sono dimenticata del tema, e credo anche gli altri lo abbiano fatto. Comunque Abbiamo portato 20 kg di trippa di Cazzamali a Zurigo, e come potete immaginare l’abbiamo fritta.
Quindi per tornare al titolo, a Zurigo succede che ci si diverte molto grazie a Patrick Schindler, deus ex machina del Menu 1 to 6, che coinvolge i migliori ristoranti di Zurigo per riempirli di cuochi e sommelier di fama internazionale con l’intenzione di creare due giornate che ogni gourmet della Mittel- Europa che si rispetti non dovrebbe mancare.
E incredibilmente, ci riesce! Ogni cena è identificata da un piccolo gadget indossabile, così negli afterparty, post-cena appunto, ognuno potrà capire a quale cena hanno partecipato gli altri.
Noi appena atterrati corriamo alla meravigliosa cena a cui siamo invitati: Dave Verheul e Marius Frehner al Kin Restaurant. Qui entriamo passando di fianco ad un forno a legna in cui stavano cuocendo del pane di patate fermentate, che avremmo poi mangiato con del pornografico cod-roe e una salsa verde. Ancora per favore.
Non posso spiegare tutto quello che abbiamo mangiato, bevuto e visto, perché ci vorrebbe troppo. Ma aggiungo che al bancone abbiamo conosciuto Flo, un pezzo della distilleria Empirical di Copenhagen, della quale finalmente ho provato i distillati, geniali e supersaporiti, realizzati con tecniche molto poco convenzionali.

Dopo, un afterparty al Widder BAR: dolci e cocktails, e birra, e alcol, e cibo. E alcol. E un quantitativo di gente interessante, fra cui Jeremiah Stone and Fabián von Hauske di Contra e Wildair (NY). Foto, taaaaac.

Il giorno dopo, facendo continuamente la spola per la preparazione della trippa nella cucina del Widder Hotel (5 Stelle Lusso) riusciamo a partecipare alla folle (e ottima) cena della Healthy Boy Band, dove la contestazione era il piatto principale (vedi video).
Non posso descrivere la situazione, architettata insieme a Carlos Navarro, se non dandovi il link alla video-installazione che cadenzava il ritmo della cena. Attenzione il video si trova su PornHub. Aggiungo qualche foto.

AFTERPARTY: 00.30 > 4.00
Alla fine della cena, di corsa al Widder Hotel, piano -3, cucina di 500 mq. In una delle stanze refrigerate prendiamo la trippa già panata, pecorino, menta, e litri di salsa, che inizieremo a servire verso l’una del mattino.

Diciamolo pure, alla fine siamo andati per partecipare alla parte più cazzona della storia, e invece ci siamo ritrovati a provenire da una parte dell’evento già di per sè molto sui generis. Ma non sapevamo quanto potesse aumentare il livello, e che il Widder Garage si sarebbe trasformato in un unico grande piatto dove impiattare ogni cosa. Banchi, piani cottura, librerie, caschi, riviste, persone erano ricoperti di cibo e tutti mangiavano.
Mapo-Gulash della HBB sublime.
Seguono solo foto, fatte male come le precedenti (scusate) e video in cui forse si può evincere il livello di sublimazione del concetto di cibo. Trippa fritta andata bene eh, ma se dovesse riaccadere l’anno prossimo mi metto muta, maschera e pinne.